La Chiesa Madre di Militello in Val di Catania vanta un'origine assai remota, tanto da risalire addirittura al tempo della dominazione bizantina in Sicilia (536-827 d.C.), come afferma il Padre benedettino Luigi Marra, insigne storico dell'800. 

A quei tempi, la Matrice si trovava nella parte bassa dell'abitato, a poche decine di metri dal Castello dei Signori, nei pressi dell'attuale Largo San Nicolò il Vecchio. Nel corso dei secoli successivi, la fabbrica della Chiesa venne sempre più ampliata fino all'edificazione del campanile «il più bello che si vedesse in Sicilia», come disse lo storico Pietro Carrera. Alle ore 14 dell'11 gennaio del 1693, un violentissimo terremoto distrusse completamente la Chiesa Madre di San Nicolò ed il suo meraviglioso campanile.

Scomparsa la vecchia Chiesa, si dovette riedificare la nuova. Il 6 dicembre del 1721, dopo 28 anni dal tragico terremoto, fu finalmente posta la prima pietra della nuova fabbrica. Il 20 marzo del 1740 la nuova Chiesa Madre fu benedetta ed aperta al culto e nel 1755 il sontuoso Tempio a tre navate venne completato nelle sue strutture principali, con una monumentale facciata disegnata dall'architetto catanese Francesco Fichera. Dal 1765 al 1776 fu completato il campanile dove, il 20 marzo, furono installate le campane della vecchia Matrice. La costruzione di questa nuova Chiesa Madre, fu definitivamente completata nel 1904 con la costruzione della cupola (alta ben 30 metri), prima opera in cemento armato della Sicilia orientale.

La Chiesa Madre è ricca a dovizia di quadri, statue, paramenti, argenterie e cornici che costituiscono una buona parte del ricco ed importante patrimonio artistico militellese. Lungo le navate laterali sono collocati, fra gli altri, cinque altari di pregevole fattura, tutti provenienti dalla distrutta Matrice. Tra le statue primeggiano quella del SS. Salvatore (la cui festa si celebra il 18 agosto di ogni anno), scolpita nel 1818 dallo scultore palermitano Girolamo Bagnasco, e quella di San Nicolò, eseguita nel 1621 dal militellese Gian Battista Baldanza. Altre opere secentesche presenti sono quelle di San Giuseppe e di Santa Lucia. La Matrice vanta anche magnifiche tele, pregiati paramenti ed argenterie. Buona parte della "collezione" artistica della Matrice e delle Chiese ad essa connesse sono conservate ed esposte nei locali del Museo San Nicolò.

095.655008

Sito Web

visita il sito
Orario
Tags

Servizi

nessun servizio disponibile

Bacheca

La festa del S.S. Salvatore si celebra il 18 agosto di ogni anno.